Il fascino della canzone popolare italiana rivive al Fauser di Novara

Silvano Mangano in "Riso amaro"; a destra, il biglietto da cento lire, "protagonista" di una delle più famose canzoni popolari italiane

NOVARA, 13 FEB -  Venerdì 18 febbraio, presso l’Aula Magna dell’Itis Fauser di Novara, dalle ore 11.15 alle ore 13.40 si terrà lo spettacolo musicale  DI TERRA IN TERRA, LAVORO E MIGRAZIONE, AMORE E LIBERTA’ NELLA CANZONE POPOLARE ITALIANA, in collaborazione con l’Associazione civica per Mezzomerico.

La canzone popolare è stato un formidabile strumento culturale di espressione e di autorappresentazione da parte di tanti italiani. Alcuni testi hanno attraversato le generazioni e sono ancora oggi molto diffusi, ma non tutti ne conoscono le origini, altri sono stati dimenticati, ma riaffiorano facilmente se le memorie familiari vengono sollecitate a farlo.
Lo spettacolo sarà preceduto da un breve inquadramento storico a cura di Federico Leonardi.

Le canzoni saranno introdotte, eseguite e commentate da Claudio Tait con il suo gruppo Los Scariolantes (Anna Pinelli – voce solista e coro; Enrico Nardin – chitarra solista e coro; Paolo Ronzio – chitarra solista e coro; Claudio Tait – voce solista e chitarra accompagnamento; Matteo Buttinelli – percussioni e coro).

I brani che verranno proposti sono alcuni tra i più famosi del repertorio popolare italiano: Mamma mia dammi cento lire, Trenta giorni di nave a vapore, Il tragico naufragio della nave Sirio, Italia bella mostrati gentile, Sciur padrun da li beli braghi bianchi, Anche per quest’anno, Saluteremo il signor padrone, Addio morettin, Bella ciao, Mama mia mi sun stufa, E la mia mama vol ch’j fila, E le la va in filanda, Addio addio amore, L’uva fogarina, Pellegrin che vien da Roma.
La responsabile del progetto è la prof.ssa Maria Grazia Babusci.

Condividi:
  • email
  • Print
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • Live
  • del.icio.us
  • Segnalo
  • Reddit
  • Yahoo! Buzz
Scritto da Redazione OkNovara.it il 13 feb 2011. Registrato sotto Cultura, Primopiano.

Per inviare opinioni e commenti, scrivere a info@oknovara.it. Una selezione delle lettere ricevute sarà pubblicata nella pagina "Lettere a OkNovara"

FotoGallery

OkNovara.it - il giornale online di Novara e provincia - Direttore Responsabile: Serena Fiocchi
Registrazione Tribunale di Novara n°383 del 3.4.2009 - Editore: S.G.P. Società Gestioni Periodici S.r.l. - P.Iva 00231840034